news

24 Lug

Nuovi obblighi relativi all’installazione di stazioni di ricarica per auto elettriche

Dall'1/06/2014 è in vigore l'obbligo di installazione di stazioni di ricarica per auto elettriche in edifici non residenziali di nuova costruzione superiori ai 500 mq. Di seguito sono riportati i riferimenti legislativi citati:    Legge 134 del 07 agosto 2012, art. 17

  • Semplificazione dell’attività edilizia e diritto alla ricarica

Modifica al Testo Unico dell’Edilizia (380/2001), stabilendo che entro il 01 giugno 2014, i Comuni dovranno adeguare i loro regolamenti edilizi “prevedendo, con decorrenza dalla medesima data, che ai fini del conseguimento del titolo abilitativo edilizio sia obbligatoriamente prevista, per gli edifici di nuova costruzione ad uso diverso da quello residenziale con superficie utile superiore a 500 mq e per i relativi interventi di ristrutturazione edilizia, l'installazione di infrastrutture elettriche per la ricarica dei veicoli idonee a permettere la connessione di una vettura da ciascuno spazio a parcheggio coperto o scoperto e da ciascun box auto, siano essi pertinenziali o meno, in conformità alle disposizioni edilizie di dettaglio fissate nel regolamento stesso”. Decorso inutilmente il termine del 1° giugno 2014, “le Regioni applicano, in relazione ai titoli abilitativi edilizi difformi da quanto ivi previsto, i poteri inibitori e di annullamento stabiliti nelle rispettive leggi regionali o, in difetto di queste ultime, provvedono ai sensi dell'articolo 39” (annullamento del permesso di costruire). Quindi qualora successivamente a tale data si dovessero riscontrare titoli abilitativi difformi le Regioni avranno la “facoltà di annullare il permesso di costruire rilasciato in precedenza”.

  • Disposizioni in materia urbanistica

Le infrastrutture, anche private, destinate alla ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica costituiscono opere di urbanizzazione primaria realizzabili su tutto il territorio comunale, in esenzione da contributo di costo di costruzione. Saranno, quindi, le leggi regionali a prevedere uno standard minimo di dotazione di impianti di ricarica ad uso collettivo.